Climatizzatore e salute: esiste una temperatura ideale? - Benessere mag

Climatizzatore e salute: esiste una temperatura ideale?

Climatizzatore e salute: esiste una temperatura ideale?

Esiste una temperatura del climatizzatore ideale che metta tutti d’accordo?

La risposta è no e stiamo per spiegarti il perché. Riuscire ad impostare la temperatura del climatizzatore perfetta non è affar semplice, poiché ci sono una serie di variabili di cui tener conto che interessano non solo i soggetti presenti nell’ambiente da raffrescare, ma anche la posizione e l’isolamento termico della stanza o abitazione stessa. Grazie agli esperti dei migliori centri assistenza per climatizzatori, cerchiamo di fare chiarezza su questo per imparare come impostare la temperatura del climatizzatore senza avere rischi per la propria salute. 

Climatizzatore in casa, qual è la temperatura perfetta?

Lo diciamo subito: la temperatura perfetta non esiste. In generale, gli esperti consigliano di impostare il clima tenendo conto del clima esterno: seguendo questa logica, il climatizzatore dovrà mantenersi non oltre i 4/5 gradi in meno rispetto a quelli registrati fuori. Tale consiglio resta, però, molto soggettivo, in quanto se sono presenti molte persone nello stesso ambiente, è altamente probabile che 4/5 gradi in meno rispetto alla temperatura esterna non siano sufficienti, specie se la stanza è esposta al sole (o lo è stata durante la giornata) o non ha un isolamento termico adeguato (ad esempio le abitazioni ubicate all’ultimo piano di un palazzo non coibentato a sufficienza). C’è poi da considerare che ciascuno di noi ha una soglia di tolleranza termica personale alla quale far fronte.

Come definire la temperatura del tuo climatizzatore ed accontentare tutti

Accontentare tutti potrebbe essere un’utopia, specie se si cerca di impostare manualmente il climatizzatore. Gli impianti di ultima generazione, invece, possiedono delle funzioni utilissime, le cosiddette smart: queste sono capaci di registrare la temperatura interna e quella esterna e di regolarsi in automatico offrendo comfort a seconda dell’esigenza dell’ambiente. Dunque, se possiedi un climatizzatore di ultima generazione, il consiglio spassionato è quello di utilizzare tali funzioni, così da poterti godere il fresco in casa senza stress. Se il caldo non è eccessivo oppure vuoi mantenere durante la notte la camera da letto fresca, puoi optare per la funzione deumidificatore, che non abbatte la temperatura in maniera drastica, ma si limita ad azionarsi nel momento in cui l’umidità tende ad aumentare in maniera eccessiva.

In questo contesto soggettivo e molto variabile, seguire il proprio buon senso è la cosa più utile da fare. Importante cercare di non eccedere con il freddo, anche se questo può ad un primo impatto essere confortante per il corpo, soprattuto se si è sudati il gioco non vale la candela,  il colpo di freddo con relative spiacevoli conseguenze è dietro l’angolo. Un refrigero moderato e ponderato sarà sicuramente utile per passare la giornata in modo più confortevole. Non dimentichiamo però che in estate è normale e utile sentire un po’di caldo anche con climatizzatore acceso, questo ci aiuterà ad abituarci alle temperature estive e non subire troppi sbalzi termici, la nostra salute e l’ambiente ci ringrazierà.

Per eventuali problemi ai vostri apparecchi, potete consultare la comoda assistenza on-line:

Caldaieclimatizzatoriepannellisolari.it

Mirko Toller

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial