Inquinamento acustico, aiutiamoci a proteggerci - Benessere mag

Inquinamento acustico, aiutiamoci a proteggerci

Inquinamento acustico, aiutiamoci a proteggerci

In un momento storico in cui il tema ambientale è uno dei più importanti da affrontare, anche perché la salute degli ecosistemi è direttamente correlata a quella umana, uno dei nemici più pericolosi per l’uomo e per l’ambiente è l’inquinamento acustico.

Un nemico rumoroso e silenzioso al tempo stesso, nella misura in cui si insinua nella vita quotidiana delle persone senza suscitare scalpore, diventa rapidamente una routine alla quale ci si abitua e, proprio per questo, viene pericolosamente sottovalutato.

Nelle città, le principali fonti di rumore esterno sono costituite dal traffico (automobili, treni, aerei), ma anche dalle attività industriali, dalla movida notturna e dai mezzi utilizzati nel settore edilizio. E se alcuni fattori che compongono il puzzle dell’inquinamento acustico ambientale sono solo occasionali (un esempio per tutti: i botti di Capodanno), altri sono invece ciclici (il treno che passa sempre allo stesso orario) e altri ancora continui (le auto in movimento nelle principali arterie delle città). L’inquinamento acustico ambientale è un problema pubblico già dai tempi dell’antica Roma; tuttavia, è innegabile che, rispetto al passato, oggi le attività antropiche rumorose siano in costante aumento, tanto nei Paesi industrializzati quanto in quelli in via di sviluppo, che proprio in questi ultimi anni hanno aumentato esponenzialmente la propria produttività, a vantaggio della crescita economica ma a spese dell’ambiente e della salute umana. Ne consegue che, nel prossimo futuro, quello dell’inquinamento acustico sarà un problema di dimensioni allarmanti e che, dunque, sarà necessario prendere severi provvedimenti se non per eliminarlo quantomeno per contenerlo.

L’inquinamento acustico, sia esterno che interno, ha infatti effetti molto nocivi per la salute uditiva delle persone, ma non solo. Oltre alla possibile perdita uditiva, l’inquinamento acustico può comportare danni a livello cardiovascolare, disturbi del sonno e dell’umore, mancanza di concentrazione.

Il rumore, poi, non colpisce soltanto gli adulti: diversi studi medici hanno evidenziato che già a livello fetale, i futuri nati risentono dell’esposizione ai forti rumori, comportando l’eventuale insorgenza di eventuali problemi dello sviluppo psico-fisico. L’inquinamento acustico è un nemico che va combattuto con l’educazione, la prevenzione ma anche con regole, che vanno applicate nella quotidianità.

Si evince quindi come il problema non debba assolutamente essere sottovalutato. Chiaramente è compito delle grandi organizzazioni, politiche e sociali, cercare di arginare al meglio questo problema. I punti sono conosciuti e molto si sta già facendo, dagli asfalti fonoassorbenti alle vetture elettriche oppure alla limitazione del traffico o dei lavori rumorosi in determinati orari. Molto però può fare anche il singolo cittadino, prima di tutto nel rispetto degli altri; cercando di non disturbare con rumori eccessivi “gli altri”, può produrre automaticamente un effetto ridondante benefico per se stesso. Ad esempio i limiti di velocità nelle aree urbane hanno anche lo scopo di preservare gli abitanti da rumori eccessivi, spesso purtroppo però l’automobilista se ne dimentica.

Altresì è importante prendere tutte le misure necessarie per vivere in un ambiente più salubre possibile, anche a livello di inquinamento acustico. Chiaramente difficile per chi vive già in città o in luoghi molto rumorosi, ma sicuramente non impossibile se insieme tutti ci si dà una mano. 

 

Mirko Toller

Laureato in scienze e tecniche psicologiche, mi occupo di divulgazione scientifica e comunicazione.
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial