Header Ads


AQUATIS, un "dolce" itinerario nel tempo


Un meraviglioso universo d’acqua dolce che attraverso vari ambienti crea un’esperienza sensoriale, culturale ed emotiva tutta da scoprire.

3.500m2 disposti su due livelli per coinvolgere, intrigare e soprattutto comprendere meglio il nostro pianeta e la sua evoluzione attraverso il corso del tempo e la mano dell’uomo. 2 milioni di litri d’acqua dolce, 46 vasche, 20 diversi ecosistemi, circa 10.000 pesci e 100 rettili e anfibi, più di 300 specie diverse. Questo, e molto altro, è quanto offre l’AQUATIS attraverso i suoi ambienti che permettono ai visitatori di tuffarsi in un viaggio attraverso le acque del mondo, immergendolo in tempi primitivi per arrivare ai giorni nostri, interrogandosi sull'impatto dei progressi tecnici, ambientali e sulla globalizzazione. Nel primo piano della struttura, il visitatore si immerge in un viaggio nel tempo, dalle origini glaciali del Rodano, alla successiva canalizzazione, fino al suo sbocco nel Mediterraneo. Un percorso che trasporta via via attraverso vari spazi in cui riscoprire la ricca biodiversità dell’Europa. Nella prima tappa del viaggio, lo spazio Alpino, AQUATIS, grazie ad una scenografia interattiva, trasporta il visitatore nel ghiacciaio del Rodano, sorgente dell’omonimo fiume. Nello spazio dedicato al Lago di Ginevra, la riserva d’acqua dolce più grande dell’Europa Occidentale che ispirò grandi scrittori del calibro di Hugo o Dostoevskij, la prospettiva offerta è dapprima aera, per poi salire a bordo di un sottomarino ed immergersi nello spazio del Lemano fino a poter scorgere il plancton. Si torna al Rodano, per comprendere come canalizzazioni e deviazioni operate dall'uomo abbiano cambiato il volto del fiume. Il percorso si snoda tra monumentali allestimenti che fanno emergere il possente fiume sorprendendo i visitatori. Si giunge infine allo spazio Camargue, al delta, patrimonio naturale che ospita uccelli migratori ed è l’unico sito di nidificazione dei fenicotteri rosa in Francia. Lasciata l’Europa alle spalle, la visita prosegue attraverso la fossa vulcanica sottomarina che si apre sul grande bacino evoluzione, una vasca che ospita specie antichissime come l’Acipenser ruthenus che abita il pianeta da più di 150 milioni di anni. Il secondo piano conduce, successivamente in un viaggio attraverso gli altri continenti. La porta verso l’Africa si apre con la Rift Valley, un’immensa sorgente di magma dell’Africa orientale, che ospita laghi straordinari come il Turkana, il più salato, il Kivu e il Malawi, tra i più profondi del mondo, e nelle cui acque vivono pesci coloratissimi. Si attraversa poi il deserto arancione della Namibia, con il suo lago d’acqua fossile, a 600 metri di profondità e di recente scoperta. Infine si giunge al fiume Niger, la cui storia contemporanea lo connette al Rodano a causa delle pressioni industriali e urbane. Un omaggio al fiume Mekong introduce allo spazio Asia. Dal Tibet, dove nasce questo corso d’acqua, fino al Vietnam dove, formando un ampio delta, sfocia nel Mar della Cina. Il Mekong segna il passaggio tra diverse culture, storia, colonizzazioni e migrazioni. L’esperienza permette al visitatore di camminare tra le mangrovie, attraversare le piscicolture in risaia e attraversare villaggi galleggianti. Nello spazio Oceania, il visitatore torna al punto di partenza, i ghiacciai, che ora si fanno sorgenti degli oceani. Qui si trova la seconda vasca marina del percorso, che mette in risalto la barriera corallina e i rischi a cui è sottoposta. Il gran finale è assicurato dall'ingresso nello Spazio Amazzonia, una serra tropicale di 533 m² dedicata al polmone verde della Terra. Un’area tra alberi monumentali e bacini d’acqua che illustrano come l’Amazzonia e il suo Oceano d’acqua dolce possano condizionare e attenuare la violenza atmosferica. Il grande spettacolo di AQUATIS pone l'enfasi sulla biodiversità e sugli ecosistemi, partendo proprio dall’utilizzo di pratiche edilizie e sistemi energetici che favoriscano un uso razionale e sostenibile dell’energia all'interno e all'esterno della struttura. L'edificio utilizza energia rinnovabile proveniente da un sistema a distanza che utilizza rifiuti domestici inceneriti, riducendo le emissioni di gas serra, e l’adeguamento termico è ottenuto con apparecchiature ad alte prestazioni, funzionando con fluidi neutri dal punto di vista ambientale e ottimizzando il recupero del calore.

Il percorso si articola in 5 biozone e 12 ambienti naturali, ognuno dei quali ha una sua specifica scenografia. Questo tipo di progetto è in rottura con tutti gli altri Aquarium-Vivarium noti: esso offre infatti un’esperienza di visita intima e sensibile in stretto legame con la tematica trattata, per aiutare a comprendere senza imporre, suggerire senza inculcare, mostrare senza dettare un orientamento. Le 5 biozone sono geograficamente lontane: Europa, Africa, Asia, Oceania e America meridionale. Tutte hanno un punto in comune: oltre al loro carattere spettacolare e teatrale, legato alla grande diversità presentata e all’allestimento tecnico impiegato, mettono l’accento sulla fragilità degli ecosistemi che è nostro dovere proteggere. Infatti l’acqua dolce rappresenta soltanto il 2,5% delle riserve naturali del pianeta.

Unico nel suo genere in Svizzera e in Europa, AQUATIS è anche il più grande Aquarium-Vivarium d’acqua dolce d’Europa. Viaggio eccezionale attraverso gli habitat d’acqua dolce più affascinanti del pianeta e, al contempo, prima destinazione culturale e turistica della Svizzera dedicata agli ecosistemi e allo sviluppo sostenibile, AQUATIS appartiene a una nuova generazione di strutture. Quasi due milioni di litri d’acqua dolce, 20 diversi ecosistemi, 46 acquari/rettilari/terrari, 100 rettili e 10 mila pesci rappresentativi dei 5 continenti offrono ai visitatori un percorso di grande ricchezza e varietà, sui due piani dell’edificio. Grazie alle tecnologie digitali, come le proiezioni a grandezza reale, il percorso di visita, con i suoi rettili, anfibi e pesci, si popola anche di animali virtuali. AQUATIS utilizza le migliore tecniche di divulgazione scientifica attraverso un allestimento spettacolare che mette in scena i 5 continenti. Anello di congiunzione tra scienza, natura e pubblico,  è anche un forum dove studiosi, neofiti, appassionati e semplici curiosi potranno incontrarsi. Un luogo unico dove dar vita agli scambi e ai dibattiti indispensabili a una presa di coscienza generale delle problematiche affrontate e della reale necessità di salvaguardare l’acqua dolce.


https://www.aquatis.ch/it/#visitare



Nessun commento