STOP ALLERGIA: VERSIONE SFOGLIABILE ONLINE - Benessere mag

STOP ALLERGIA: VERSIONE SFOGLIABILE ONLINE

STOP ALLERGIA: VERSIONE SFOGLIABILE ONLINE

Arriva sul web Stop Allergia, la versione sfogliabile dell’omonima testata di divulgazione scientifica sulle allergie, sulle loro cause, i sintomi e le cure

Pensi di essere a rischio di allergie? Non fare autodiagnosi, parlane con il tuo medico.

Le allergie possono condizionare la qualità della vita e, in alcuni casi, possono essere pericolose per la vita stessa.

Una corretta informazione e piccoli accorgimenti possono aiutare a gestire le allergie e le intolleranze.

 

“Il Dottore risponde”, il servizio dedicato agli utenti
 

Proprio per questo motivo, la rivista sfogliavile Stop Allergia ha lo scopo di informare gli utenti che, a loro volta, potranno porre delle domande agli specialisti grazie al servizio “Il Dottore risponde”.

Articoli di approfondimento – redatti da professionisti nell’ambito scientifico – interviste agli esperti in allergologia, spiegheranno cosa sono le malattie allergiche e le varie tipologie, i sintomi e le cure.
 
La definizione di allergia
 
Il Ministero della Salute ha definito l’allergia: “la più comune malattia immunitaria caratterizzata da una reazione infiammatoria verso agenti, allergeni, normalmente innocui”.
Nelle malattie allergiche vi è il coinvolgimento del sistema immunitario e la sovrapproduzione di immunoglobuline di tipo E. Esse sono responsabili della conseguente manifestazione sintomatologica.
Sono tanti i diversi tipi di allergie, tra le più comuni: le allergie alimentaril’allergia a polvere e acarile allergie al pelo degli animalil’allergia al pollinel’allergia primaverilele allergie ad inquinanti e additivile allergie ai farmaci ecc.
L’aumento notevole dei casi
Secondo i dati statistici, negli ultimi dieci anni sono aumentati notevolmente i casi di soggetti che soffrono di allergie. Molti di essi sono soprattutto bambini.

 

L’aumento è dovuto alla minore tolleranza dei soggetti a sostanze dannose, sempre più presenti nell’aria che respiriamo e nei cibi consumati giornalmente. Inoltre, il miglioramento degli strumenti diagnostici permette di scoprire forme allergiche prima non facilmente individuabili.

Gabriella C.

Divulgatrice scientifica
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial