Gonfiore addominale da cattiva digestione: come risolvere

Gonfiore addominale da cattiva digestione: come risolvere

La cattiva digestione è una delle cause maggiori del gonfiore addominale, problematica che affligge spesso molte persone e che può risultare particolarmente debilitante. Le cause alla base del disturbo sono diverse e vanno da una scorretta alimentazione a un sistema digestivo mal funzionante.

Nell’articolo che segue parleremo in maniera approfondita di quali possono essere le cause, qual è l’alimentazione giusta da seguire e soprattutto quali possono essere i farmaci per gonfiore addominale disponibili online, da acquistare comodamente da casa per avere sempre a disposizione la soluzione ideale per i momenti più difficili.

Cosa può causare il gonfiore addominale

Il gonfiore addominale può manifestarsi per una molteplicità di ragioni, spesso riconducibili ad abitudini quotidiane e scelte alimentari non del tutto corrette. Tra le cause più comuni vi è l’ingestione di aria durante i pasti, situazione molto comune in chi mangia troppo velocemente o bevono bevande gassate.

Anche mangiare tanti cibi ad alto contenuto di fibre, come verdure e legumi, può contribuire al gonfiore, così come la stitichezza e le difficoltà nel metabolismo di nutrienti come nel caso di un’intolleranza al lattosio.

La flora batterica intestinale, responsabile del suo benessere, può subire alterazioni durante diverse fasi di vita che portano poi ad avere il disturbo. La disbiosi intestinale può essere infatti causata da fattori come lo stress o l’assunzione di cibi fermentabili.

Ha ulteriore valore il modo in cui mangiamo, soprattutto nel caso di pasti abbondanti consumati in condizioni di stress o nervosismo: fattori che possono innescare il gonfiore addominale.

Quale dieta seguire per risolvere il problema del gonfiore addominale

Il primo passo fondamentale per riuscire a gestire il problema del gonfiore addominale è quello di rivedere la propria dieta, cercando un equilibrio e soprattutto esaminando quali sono i cibi che possono portare facilmente a questa condizione.

Ci sono, infatti, alcuni alimenti che sono famosi per la loro capacità di portare a questa condizione, in quanto provocano un’eccessiva produzione di gas. Verdure come asparagi, broccoli e cipolle, frutta come pesche e pere, cereali integrali e latticini come formaggio e gelato rientrano tra gli alimenti da limitare.

In alternativa, è consigliabile integrare la dieta con alimenti che regolano la fermentazione, favoriscono l’espulsione di gas e sono ricchi di antiossidanti. Tra questi, ad esempio, suggeriamo mele e mirtilli,finocchi e menta, e alimenti integrali come pasta e riso: questi sono solo alcuni esempi di cibi che possono contribuire a contrastare il gonfiore addominale.

Parallelamente, è possibile adottare alcuni rimedi naturali.

Il carbone è noto per la sua capacità di assorbire gas e può essere utilizzato come rimedio erboristico. Piante carminative come cumino, anice e finocchio, da cui si possono ottenere tisane e decotti, agiscono invece eliminando i gas.

L’integrazione della dieta con fibre, come agar agar e glucomannano, può essere un ulteriore passo verso la gestione del disturbo. Inoltre, è importante considerare anche la salute in linea generale, poiché il gonfiore può essere influenzato da fattori come stress, ritenzione di liquidi e disturbi gastrointestinali.

Per ridurlo è possibile utilizzare alimenti come lo zenzero, la menta piperita e le prugne secche, tutte note per le loro proprietà anti-gonfiore.

L’equilibrio idrico è a sua volta essenziale, e bere acqua liscia può aiutare a sostenere il sistema digestivo, ma è importante distribuirne l’assunzione durante il giorno e non concentrarla tutta in un solo momento.

Infine, cibi come cetrioli, papaia, yogurt e avena possono contribuire a mantenere la regolarità intestinale.

Farmaci utili a combattere il problema del gonfiore addominale

Esistono numerosi farmaci utili contro il gonfiore, che sono acquistabili anche online, riducendo in questo modo la difficoltà di doversi recare personalmente in farmacia.

Tra questi uno dei più validi è Gaspan, che grazie al suo contenuto di olio essenziale di menta piperita e cumino, emerge come un’opzione terapeutica per crampi, flatulenza e dolore, utile soprattutto per pazienti affetti da sindrome del colon irritabile (IBS).

Simecrin, che si avvale del simeticone, è un’altra risorsa utile per contrastare meteorismo e aerofagia. La particolarità delle compresse masticabili non solo offre praticità nell’assunzione ma contribuisce anche all’assorbimento del principio attivo, potenziando l’efficacia del trattamento.

Esistono inoltre soluzioni anche per i più piccoli, che facilmente hanno di questi problemi: Simegut bambini si rivela un’opzione sicura, contenente simeticone e indicato per l’aerofagia e il meteorismo gastro-enterico nei lattanti e nei bambini. L’uso di gocce, diluite in acqua, è un suo punto a favore in quanto ne facilita l’assunzione.

Nonostante i consigli, però, è importante la consultazione con un professionista della salute che saprà adattare la cura alle esigenze specifiche del paziente, in base alle sue caratteristiche e preferenze personali.

 

Redazione Benessere

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial