Integratori alimentari: quali sono i più utilizzati dagli sportivi?

Integratori alimentari: quali sono i più utilizzati dagli sportivi?

Con la generica espressione di integratori alimentari si fa comunemente riferimento a prodotti alimentari che, come ben si comprende dalla denominazione, integrano il normale regime dietetico. Il ricorso a questi prodotti può avere diverse motivazioni, ma, in linea generale, molti di essi sono destinati a sopperire a determinate carenze (per esempio una carenza vitaminica), a prevenirle o a gestire condizioni in cui si registra un aumentato fabbisogno di una determinata sostanza.

In commercio esistono centinaia di prodotti classificati come integratori alimentari; in alcuni casi si tratta di una specifica sostanza, in altri casi invece si tratta di prodotti contenenti più ingredienti (per esempio i multivitaminici).

Tali prodotti sono molto diffusi e vengono utilizzati in vari ambiti; una categoria in cui si registra un loro rilevante impiego è quella degli sportivi, sia professionisti che dilettanti.

Dato l’ampio utilizzo in ambito atletico, cerchiamo di saperne di più sui migliori integratori sportivi e in particolare sul loro impiego a seconda del tipo di attività sportiva; c’è infatti una certa differenza tra sport di potenza (sollevamento pesi, lanci, corsa di breve durata ecc.), sport di resistenza (marcia, maratona, ciclismo su strada ecc.) e sport alternati (calcio, pallacanestro, pallavolo ecc.) e conseguentemente cambiano le esigenze anche per quanto riguarda l’integrazione alimentare.

Il riferimento è ovviamente ad attività amatoriali in quanto l’integrazione dei professionisti è gestita da staff medico-sportivi che seguono quotidianamente o quasi il singolo atleta.

I principali integratori sportivi

La categoria degli integratori sportivi è piuttosto ampia e, come accennato in precedenza, a seconda dello sport praticato, l’approccio all’integrazione è diverso.

Per esempio, la creatina è un integratore utilizzato da chi pratica bodybuilding, sollevamento pesi, sport da combattimento, canottaggio, kayak e in generale sport in cui lo sforzo è molto intenso e di breve durata e negli sport da intermittenza; lo scopo è quello di aumentare forza, potenza e massa muscolare. Non è invece usata di norma da chi pratica sport di endurance (un aumento marcato della massa muscolare potrebbe risultare controproducente in un maratoneta).

Più generico è invece il ricorso all’integrazione con aminoacidi ramificati (leucina, isoleucina e valina), tre aminoacidi che hanno un ruolo importante nella sintesi proteica e che sono coinvolti nel processo grazie al quale si ricava energia dalle proteine; essi sono utilizzati sia negli sport di potenza che in quelli di resistenza; nel caso di questi ultimi, l’obiettivo è quello di accelerare il recupero dopo lunghi e pesanti allenamenti, mentre nel caso dei primi, la loro assunzione è più orientata alla crescita della massa muscolare.

Integratori sportivi frequentemente utilizzati sono quelli a base di carboidrati e sali minerali; a essi ricorrono soprattutto gli atleti che compiono un’intensa attività fisica in condizioni che determinano un’abbondante sudorazione.

Coloro che praticano le attività di endurance utilizzano spesso maltodestrine; il loro utilizzo è destinato al ripristino delle scorte di glicogeno; quest’ultimo, è la riserva di carboidrati che l’organismo sfrutta ai fini energetici; le maltodestrine si caratterizzano per il loro rapido assorbimento e possono quindi risultare particolarmente utili per ripristinare le scorte di carboidrati durante uno sforzo aerobico prolungato (una lunga corsa ciclistica, una maratona, un’ultramaratona ecc.).

Integratori frequentemente utilizzati dagli amanti del fitness sono poi le proteine del siero del latte (whey protein), utilizzate per l’aumento della massa muscolare, per il suo mantenimento e per il recupero dopo l’allenamento.

Utilizzo degli integratori sportivi

Come tutti gli integratori alimentari, anche gli integratori sportivi devono essere utilizzati con criterio e non devono mai essere intesi come sostituto di una dieta varia ed equilibrata. È fondamentale seguire le indicazioni sul dosaggio sulle modalità d’uso presenti sulla confezione. In caso di dubbi, si può consultare il proprio medico curante o un nutrizionista.

 

Mirko Toller

Laureato in scienze e tecniche psicologiche, imprenditore, mi occupo (anche) di divulgazione scientifica e comunicazione.
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial